Articoli

Tradizioni Verbali

“L’aliva cchiu’ penni,

cchiu’ renni”

“Le olive se rimangono per più tempo sull’albero,
rendono di più (fanno più olio)”

***

“Panza contenti, cori clementi;

panza dijuna, nenti pirduna”

“Pancia contenta, cuore clemente,
pancia digiuna, non perdona niente”

***

“Si vuoi mangiari cosi duci,

mancia pani, favi e nuci”

“Se vuoi mangiare cose dolci,
mangia pane, fave e noci”

***

“Lu piru quannu è fattu

cadi sulu”

“La pera quando è matura cade
da sola. (Tempo al tempo).

***

“Cu sa ‘mbriacari…

di vinu buonu ll’avi a fari”

“Chi si vuole ubriacare,
lo deve fare col vino buono”

***

“Ad arbulu siccu e cavulu sciurutu,

socchi faciti faciti, tuttu è pirdutu”

“Ad albero secco e cavolo fiorito
qualsiasi cosa si fa, è inutile”

***

“Nt’ austu cu mancia mulini

ci senti austu”

“In agosto chi mangia anguria
la gusterà perché matura”

***

“Sittiemmiru a racina è fatta

e lu ficu penni”

“A settembre l’uva e
i fichi sono maturi”

***

“Sittiemmiru amicu,

rapi miennuli e ficu”

“Settembre mite fa maturare
le mandorle e i fichi”

***

“A massara cerni e ‘mpasta,

e lu furnu conza e guasta”

“La massaia cerne la farina e impasta il pane
mentre il forno rende buono il pane o lo guasta”

***

“Privazioni fa pitittu

e fa duci lu pani schittu”

“Le privazioni creano il desiderio
e rendono dolce il pane senza companatico”

***

“Aprili chiuvusu,

annu fruttusu”

“Se aprile è ricco di piogge,
l’anno sarà ricco di frutti”

***

“Aprili fa li sciuri e li biddizzi,

l’anuri ll’avi lu misi di maju”

“Aprile prepara le gemme e l’onore
dei fiori lo riceve maggio”

***

“Giugnu senza suli

matri senza proli”

“Se giugno è senza sole
la terra non darà frutti”

***

“Giugnu la fauci in pugnu,

ggiugniettu la fauci sutta u liettu”

“A giugno con la falce in mano per mietere,
a luglio la falce si ripone sotto il letto”

***

“Acqua d’austu metti

uagghiu, meli e mustu”

“La pioggia d’agosto porta
olio, miele e mosto”

***

“Aprili: favi chini

Si nun cca a li marini”

“Nel mese di aprile si riempiono i baccelli di favese non quì,
almeno dove il clima è più mite”

***

“Hannu essiri di crita li pignati,

ppi fari li minestri sapuriti”

“Han da essere di creta le pentole,
per fare saporite le minestre”

***

“Comu s’accapanu li regni ri la costa

e ss’accapau ri mangiari pasta”

“Finirono i covoni della costa
e s’è finito di mangiare pasta”

***

“Innaru siccu, massaru riccu…

quannu diciammiru lassa lu lippu”

“Gennaio asciutto, contadino ricco
se dicembre è stato piovoso”

***

“Marzu cientu vagna

e una asciuca”

Anche se piove spesso a marzo, basta
una giornata di sole per asciugare tutto”

***